×

DIGITA NELLA TUA RICERCA E PREMI ENTER

Caricamento in corso...
Gastronomia

In questo locale milanese servono deliziosi panini al vapore a forma di panda

Il nuovo locale a Milano dello chef Yoji Tokuyoshi

Milano Segreta Milano Segreta

bentoteca

La Bentōteca a Milano

Il rinomato chef Yoji Tokuyoshi ha ideato da poco un nuovo locale, negli spazi dello stellato «Tokuyoshi» a Milano. La Bentōteca è un locale di gastronomia giapponese dove si creano bentō e udon kit. I bentō (letteralmente “cosa utile”) sono lunch box che in Giappone vengono preparati in casa o comprati già pronti al supermercato. Vengono utilizzati da chi deve pranzare fuori, infatti contengono un pasto completo.

Alla Bentōteca, però, i sapori giapponesi sono stravolti dalla creatività di Tokuyoshi, con una chiave di lettura occidentale. Il Wine bar con gastronomia giapponese, infatti, propone piatti con ingredienti italiani cucinati in stile giapponese su base di riso di Niigata. Anguilla grigliata e udon tirati a mano, tempura di verdura e katsusando. Ma anche originali panini a forma di panda ‘Panda, Burro e Acciughe’: pane al vapore, burro fatto in casa, acciughe di cetara.🐼

Consegna a domicilio e pop-up

Il locale è aperto a pranzo, a cena e per l’aperitivo. Per quanto riguarda il servizio a domicilio, proprio come in Giappone, il bentō viene consegnato freddo perché, riscaldandolo nel microonde per 2 minuti, cambia la consistenza del riso giapponese e diventa più gustoso. Per il take away invece viene consegnato caldo. Lo chef ha deciso di creare questa nuova formula all’interno del suo ristorante Tokuyoshi (chiuso fino a settembre) durante la quarantena, con la fornitura di 50 pasti giornalieri ai medici impegnati nell’emergenza Covid all’Ospedale San Giuseppe di Milano. Il pop-up della Bentōteca si terrà fino all’inizio di agosto.

La Bentōteca prevede la consegna gratuita per spese superiori a 60 euro, utilizzando il codice sconto “SOPRA60”. Per mangiare nel locale, bisogna prenotare un tavolo.

Dove: Via San Calocero 3, Milano. Prezzo: i piatti non superano i 22 euro.

Foto principale: Bentōteca Milano