×

DIGITA NELLA TUA RICERCA E PREMI ENTER

Caricamento in corso...
News

Climatizzatori e coronavirus, i rischi a tavola secondo uno studio cinese

Chiara Carlini Chiara Carlini

ristorante

3 famiglie contagiate in un ristorante

Uno studio cinese, reso noto dal New York Times, analizza il caso di un ristorante di Guangzhou, in Cina, dove si sarebbe diffuso il Covid19. Lo studio uscirà nel numero di luglio della Emerging Infectious Diseases, la rivista pubblicata dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC) negli Stati Uniti.

Cosa è successo nel ristorante a Guangzhou

Dal 26 gennaio al 10 febbraio 2020, 10 persone di 3 famiglie (famiglie A, B, C), che avevano mangiato nello stesso ristorante climatizzato di Guangzhou, sono state colpite dal coronavirus. Una delle famiglie proveniva da Wuhan, nella provincia di Hubei, in Cina. L’indagine è stata svolta per capire il collegamento di questi 10 casi.

diagramma studio
Un diagramma della disposizione dei tavoli del ristorante e del flusso d’aria dell’aria condizionata nel posto dove si propagò il coronavirus a Guangzhou, in Cina. I cerchi rossi indicano la posizione delle persone contagiate; il cerchio rosso/giallo indica il primo paziente. © Centers for Disease Control and Prevention (CDC)

Il 23 gennaio 2020, la famiglia A viaggiò da Wuhan e arrivò a Guangzhou. Il 24 gennaio, il paziente A1 pranzò con altri 3 membri della famiglia (A2 – A4) al ristorante X. Altre due famiglie, B e C, pranzarono ai tavoli vicini nello stesso ristorante. Più tardi quel giorno, il paziente A1 manifestò febbre e tosse e si recò in ospedale. Al 5 febbraio, altri 9 (4 membri della famiglia A, 3 membri della famiglia B e 2 membri della famiglia C) si ammalarono di COVID-19.

Quante persone erano presenti?

L’unica fonte nota di esposizione al virus per le persone colpite nelle famiglie B e C era il paziente A1 al ristorante. Il ristorante X è un edificio di 5 piani con aria condizionata e senza finestre. La sala da pranzo al terzo piano occupa 145 m2; ogni piano ha il suo condizionatore d’aria (Figura). La distanza tra ogni tavolo è di circa 1 m.

Il 24 gennaio, nel ristorante erano presenti 91 persone (83 clienti, 8 membri dello staff). Di questi, 83 in totale avevano pranzato al terzo piano. Tra gli 83 clienti, 10 si ammalarono di COVID-19; gli altri 73 sono stati identificati come contatti stretti e messi in quarantena per 14 giorni. Durante quel periodo, non si sono sviluppati sintomi e i tamponi sono risultati negativi.

La distanza tra i tavoli

La trasmissione del virus in questo focolaio, però, non può essere spiegata dalla sola trasmissione di goccioline. Le goccioline respiratorie più grandi (> 5 μm) rimangono nell’aria solo per un breve periodo e viaggiano solo per brevi distanze, generalmente < 1 m. Le distanze tra il paziente A1 e le persone agli altri tavoli, in particolare quelle al tavolo C, erano tutte > 1 m. Tuttavia, un forte flusso d’aria dal condizionatore d’aria potrebbe aver propagato le goccioline dal tavolo C al tavolo A, quindi al tavolo B e quindi di nuovo al tavolo C (Figura). Non dimentichiamo che la SARS si diffuse a causa degli impianti di climatizzazione.

Il flusso d’aria del condizionatore

In questo focolaio la trasmissione delle goccioline è stata stimolata dalla ventilazione con aria condizionata. Il fattore chiave per l’infezione era la direzione del flusso d’aria. Per prevenire la diffusione di COVID-19 nei ristoranti, si consiglia di rafforzare il monitoraggio della temperatura, aumentare la distanza tra i tavoli e migliorare la ventilazione.

I limiti dello studio

L’analisi ha dei limiti. Non è stato condotto uno studio sperimentale per simulare la trasmissione aerea e non sono stati eseguiti test sierologici agli altri commensali. Uno degli autori dello studio è Jianyun Lu, vicedirettore del Dipartimento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive presso il Centro di Guangzhou per il controllo e la prevenzione delle malattie.