×

DIGITA NELLA TUA RICERCA E PREMI ENTER

Caricamento in corso...
News

Distanziamento, migliaia di biglietti annullati sui treni dopo il dietrofront del governo

Il contrordine sulle misure di prevenzione da parte del ministro Speranza.

Milano Segreta Milano Segreta

treni

 Distanziamento sui mezzi pubblici

Ancora niente “liberi tutti”, perché il virus continua a circolare, soprattutto nei Paesi UE. Per questo motivo, il governo fa dietrofront sul distanziamento sui treni. No ai treni pieni, lo fa sapere il Ministro Speranza, che sabato 1° agosto ha firmato una ordinanza che reintroduce con decorrenza immediata l’obbligo di distanziamento sui treni.

Le compagnie Italo e Trenitalia hanno dovuto così annullare molti biglietti già acquistati dai passeggeri. Dopo che le vendite dei biglietti al 100% dei posti erano state aperte, l’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza ha riportato la quota al 50% e il posizionamento ‘a scacchiera’.

Italo ha cancellato 8 treni e numerosi biglietti per i treni del pomeriggio di ieri (sono stati coinvolti 8.000 passeggeri). La compagnia si sta già attivando per rimborsare i ticket. Anche Trenitalia sta contattando i passeggeri per far scegliere tra un rimborso o alternative di viaggio, in caso di cancellazione del treno/annullamento della corsa.

A Milano però rimane l’ordinanza regionale, firmata da Fontana, che permette di occupare tutti i posti a sedere sui mezzi pubblici, compresi i treni locali. La Regione si uniformerà alle norme centrali?