×

DIGITA NELLA TUA RICERCA E PREMI ENTER

Caricamento in corso...
News

Porta Venezia tra i quartieri più cool del mondo

Milano Segreta Milano Segreta

milano

Ogni anno la rivista Time Out stila una classifica dei quartieri più cool del mondo. Quest’anno nella top 40 al 35esimo posto c’è Milano con Porta Venezia, unico quartiere italiano nella lista. “Un forte senso di comunità e attività uniche e indipendenti hanno sempre reso grande un quartiere, ma ora sono diventati indispensabili” scrive Time Out.

La lista dei quartieri più belli del mondo si basa sulle opinioni della gente del posto, oltre 38.000 abitanti delle città hanno risposto al sondaggio annuale Time Out Index. Il compito dei membri del team media è stato quello di vagliare il risultato finale alla ricerca di “luoghi che rappresentino l’anima della città”.

I quartieri più cool del 2020 sono ancora quelli con un’affascinante miscela di persone, cibo, bevande, arte e cultura (innovativi e inclusivi), affitti e costo della vita convenienti. Ma quest’anno sono anche le aree in cui persone, comunità e imprese si sono aiutate a vicenda.

Porta Venezia tra i quartieri più cool

Milano è stata tra le città più colpite dal virus a livello europeo, “eppure l’unico cambiamento duraturo che vedrai per le strade di Porta Venezia sono i tavoli all’aperto. In una capitale regionale che prospera grazie agli aperitivi al tramonto, questo ha reso il quartiere LGBTQ + della città – con il suo enorme arcobaleno che ti dà il benvenuto quando esci dalla metropolitana – altrettanto rumoroso e vivace come al solito negli ultimi mesi” si legge su Time Out.

Tra le particolarità della zona lo Spritz di € 3, il bar Picchio, la pasta con le polpette alla Trattoria Sabbioneda Da Romolo, il ristorante vegetariano Alhambra, il Bar Basso per gli arredi anni ’60 e il famoso Negroni Sbagliato, l’ora del tè alla Teiera Eclettica e l’ora del gelato a Out-of-the-Box. “La dolce vita? Non è mai andata via in questa parte amante del divertimento della seconda città d’Italia” scrive Isobel Gooder.

Foto: © Andrzej Otrębski