×

DIGITA NELLA TUA RICERCA E PREMI ENTER

Caricamento in corso...
Cosa Fare

L’intervista allo street artist CIBO. L’artista che copre l’odio con piatti golosi

Milano Segreta Milano Segreta

cibo

Abbiamo intervistato CIBO, lo street artist italiano che copre l’odio con il cibo. Il suo obiettivo è quello di coprire simboli o scritte di odio e violenza con piatti gustosi.

Pier Paolo Spinazzè, in arte CIBO. Da cosa nasce questa idea e questo nome?

Come tutte le cose belle, nasce un po’ per scherzo e un po’ per necessità. Ero stanco di vedere simboli fascisti, svastiche e scritte d’odio nella mia città e ho deciso di iniziare a coprirli con murales. Cercavo un simbolismo che mi permettesse di sensibilizzare sul tema e agire in maniera concreta per la mia città. Doveva essere qualcosa di territoriale e pop, qualcosa che arrivasse a tutti e che la cittadinanza sentisse proprio. Il tema CIBO per noi italiani è molto importante, rappresenta parte della nostra cultura, è un momento piacevole e inoltre manda in confusione i neo fascisti in quanto di fronte alla cultura e all’arte non sanno rispondere.

Com’è nata la tua passione per la street art?

Disegno fin da bambino. I miei genitori hanno sempre incentivato le mie passioni e, per la gioia di mia mamma, ho iniziato a disegnare sui muri di casa praticamente quasi subito. Poi crescendo ho intrapreso un percorso di studi artistico a partire dal Liceo, che si è concretizzato con una laurea in disegno industriale. Sono più di 20 anni che sono in strada a disegnare. Il successo non è arrivato subito ma determinazione e un pizzico di fortuna hanno fatto sì che oggi sia diventata la mia professione.

Qual è il lavoro di cui sei più orgoglioso?

È sempre l’ultimo! Nel mio lavoro la ricerca e l’innovazione sono fondamentali. L’arte non è statica ma è qualcosa di dinamico, soprattutto se come me fai arte pubblica. Ogni nuovo murales che faccio racchiude messaggi nuovi, sperimentazioni nuove ed è un esercizio artistico diverso. Il successivo è sempre meglio del precedente, per intenderci! 🙂

L’opera più difficile da realizzare?

Ogni opera è diversa e anche la più semplice in fondo racchiude delle complessità. Ma l’opera che al momento mi ha dato più filo da torcere è senza dubbio il 1.1000 metri quadri realizzato per DIVA (APO Scaligera) cooperativa agricola che, attraverso metodi di coltivazione responsabili e seguendo rigorosamente i cicli delle stagioni, collabora con la GDO in Italia e all’estero per donare a tutti la ricchezza e la generosità del territorio veronese. Nel progetto artistico ho cercato di trasmettere tutti i valori sociali dell’azienda, lo stretto rapporto che ha col territorio, la tradizione agricola e la sostenibilità. Per la realizzazione, portata avanti in solitaria, sono stati necessari 6 mesi di lavoro. Un’impresa ambiziosa per un’azienda di grande valore.

cibo
© CIBO

Dove lavori principalmente?

L’attività di cancellazione dell’odio è una forma di volontariato che, per scelta, porto avanti principalmente a km 0. Purtroppo Verona offre molto materiale da questo punto di vista. Ma ho in portfolio collaborazioni importanti in tutto il mondo, Italia, Europa, Thailandia, Africa, Stati Uniti e tante altre in divenire.

A Milano troviamo alcune tue opere?

A Milano c’è poco per il momento, ma potete trovare qualche serranda per esempio per Trippa (trattoria presente anche nella guida Michelin) e la gelateria Wally.

cibo
© CIBO

Hai progetti futuri?

Certo, ho tantissimi progetti per il futuro ma dobbiamo aspettare che l’emergenza sanitaria rientri.